I segreti della lingerie da sposa tra vedo e non vedo

Aria di primavera, aria di fiori d’arancio!
Generalmente i mesi che si prediligono per convolare a giuste nozze sono quelli che vanno da aprile ad ottobre, dove temperatura, condizioni meteo e giornate più lunghe, sono sicuramente elementi  favorevoli per fare da cornice al giorno più bello della nostra vita.
Una volta scelta la data inizia la corsa ai preparativi, quindi si prenota la chiesa o il comune, poi si inizia a pensare agli invitati, al banchetto, alle partecipazioni, bomboniere, all’addobbo, al bouqet, all’abito e si da il via alla macchina dei preparativi… quanta gioia e, mi sento di aggiungere, quanto stress!
bustier-da-sposa-penrose-2014
Ma guardiamo il lato positivo della favola e pensiamo a cosa dovrà indossare la nostra sposa
abbiamo già affrontato il discorso in “Sposa Sexy” per quanto riguarda l’abito ma non abbiamo fatto cenno alla lingerie.
E’ vero, l’intimo non si vede e non si dovrà mai vedere, non comparirà nelle foto e nei video ma credetemi è parte integrante dell’abito da sposa.
Partiamo dal presupposto che la lingerie da sposa oltre che bella e sensuale dovrà essere comoda, la dovrete indossare per almeno dodici ore e vi assicuro, che non è bello avere un reggiseno con una spallina che scende o uno di quelli che per far guadagnare una taglia in più al decolté ci toglie il fiato… il fiato vi mancherà a prescindere, sia per l’emozione nelle prime ore sia per la stanchezza nelle successive…
esistono in commercio intere collezioni di intimo da sposa e non vi sarà difficile trovare quella più adatta alle vostre esigenze, scegliendo tra il classico reggiseno e perizoma, fino ad arrivare alla guêpière, La scelta in questione, oltre ad essere strettamente personale, deve essere fatta anche in relazione all’abito che andremo ad indossare ed alla forma fisica che abbiamo, ad esempio, con un abito aderente, a sirena o taglio sottoveste la scelta dovrebbe cadere su un classico triangolo e perizoma, senza pizzi ne applicazioni di sorta perché rischieremmo di farli trasparire, se invece l‘abito sarà senza spalline o bustier allora sarà meglio orientarsi su un reggiseno a fascia, un balconcino push-up con in coordinato slip, coulotte o perizoma.
Soluzione ottimale sono anche ad esempio il bustier in tessuto stretch o le guaine che oltre ad essere comode e leggerissime riescono a modellare delicatamente la silhouette senza soffocarci e renderci impacciate in un giorno così importante.

intimo-sposa-di-victorias-secret

Da non dimenticare sono le calze e la giarrettiera, non indispensabili quanto l’underwear ma pur sempre da tenere in considerazione, tanto per dare completezza all’abito da sposa quanto per la tradizione, quindi  si a parigine ed autoreggenti e si anche alla giarrettiera.
Da ultimo vi ricordo che la tradizione vuole che la sposa indossi tra vedo e non vedo:

giarrettiera-sposa-qualche-cosa-di-blu

1. Qualche cosa di blu
Il blu simboleggia la purezza e la sincerità, valori che non possono prescindere da un matrimonio.
Basterà indossare una giarrettiera con del nastro blu o semplicemente si potrà applicare un fiocchetto di raso blu alle autoreggenti o allo slip.

2. Qualche cosa di regalato
Un regalo generalmente lo si riceve da chi ci vuole bene e nel caso della sposa starà a simboleggiare l’affetto delle persone care che ci accompagnano a compiere un passo così importante.
Partendo dal presupposto che non potremo coprirci di fronzoli, anche l’intimo potrà andar bene,  purché ci sia stato regalato da una persona cara.

3. Qualche cosa di prestato
Un oggetto prestato sta a rappresentare un passaggio dal vecchio al nuovo, se poi a prestarcelo è qualcuno di importante allora stiamo rispettando a pieno la tradizione… i guanti del matrimonio di nostra madre potrebbero essere perfetti.

4. Qualche cosa di vecchio
Indossare qualcosa di vecchio permetterà alla sposa di non creare un taglio netto con il passato bensì di creare continuità con il futuro ma che allo stesso tempo si possano abbinare alla nostra mise, come ad esempio gli splendidi orecchini di perle che ci regalò per la comunione nostra nonna.

5. Qualche cosa di nuovo
Qualcosa di nuovo è un augurio per tutto ciò che da qui in avanti la sposa, unita in matrimonio con il suo uomo andrà a costruire… l’abito di per se sarà più che sufficiente a soddisfare la tradizione.

A. S.

 

Comments

comments